Aiuti alle PMI: novità dall’UE sui pagamenti commerciali


In data 12 settembre la Commissione Europea è tornata ad affrontare il tema degli aiuti alle PMI.

 

Nel dettaglio, tra le misure, spicca un progetto di regolamento che impone un limite di 30 giorni entro le quali effettuare i pagamenti tra società pubbliche o private. 

 

Il regolamento in vigore sul tema dei pagamenti nelle transazione commerciali risale al 2011 e spesso è stato disatteso dagli stati membri.

 

Pertanto l’UE ha deciso di intervenire in modo più puntuale.

 

 

Pagamenti Transazione commerciali: la Direttiva 2011/7/UE

 

Il regolamento a tema di pagamenti nelle transazioni commerciali attualmente in vigore, fu approvato nel 2011.

 

Il testo imponeva limiti temporali, ancora oggi in vigore, ai pagamenti delle imprese e degli enti pubblici.

 

Nel dettaglio, la direttiva regolamenta i pagamenti alle PMI e agli enti pubblici prevedendo un termine di 30 giorni per le transazioni commerciali che può, però, essere esteso a 60 giorni o più “se non gravemente ingiusto nei confronti del creditore”.

 

 

 

L’UE, oggi, propone cambiamenti per rendere le regole più stringenti e viste le frequenti disapplicazioni del testo del 2011, si tratterà di un testo legislativo direttamente applicabile nel paese membro senza bisogno di essere recepito.

 

 

Aldo Cadau Studio Cadau Studio Commerciale Commercialisti Sardegna Cagliari

 

 

Transazione commerciali: le novità in arrivo dall’UE

 

Il nuovo testo prevede che i pagamenti debbano avvenire entro 30 giorni dalla consegna del prodotto o del servizio.

 

Come anticipato dalla Commissaria europea il progetto di regolamento “rende legalmente automatico il pagamento delle commissioni compensative e degli interessi in caso di ritardo nel pagamento”.

 

Inoltre, si prevede che solo in casi eccezionali sarà possibile allungare i termini ma comunque entro i 60 giorni.

 

Secondo i dati della Commissione europea le PMI rappresentano il 99% delle aziende in Europa offrendo lavoro ai due terzi degli occupati nel settore privato meritando una particolare attenzione.

 

Oltre al fronte dei pagamenti delle transazioni commerciali, l’UE sta prevedendo che le piccole e medie imprese, operanti in più paesi, avranno rapporti con una sola autorità tributaria e in particolare quella in cui la società ha la propria sede principale: Questo sistema aumenterà la certezza e l’equità fiscale, ridurrà i costi di conformità e le distorsioni del mercato che influenzano le decisioni delle imprese, minimizzando il rischio di doppie imposizioni e di controversie fiscali”.

 

Infine da Bruxelles dovrebbero arrivare novità per facilitare il riconoscimento delle qualifiche professionali ottenute in paesi terzi e l’accesso delle società più piccole agli appalti pubblici.