Bonus quotazioni PMI: ritorna col Milleproroghe

Il Decreto Milleproroghe in dirittura d’arrivo per la conversione in legge prevede tra le altre, una novità per il bonus quotazione PMI.

 

In sintesi, si proroga al 31 dicembre 2024 il credito d’imposta per le spese di consulenza relative alla quotazione delle piccole e medie imprese (PMI) istituito dalla legge n. 205 del 2017 (legge di bilancio 2018) disponendo, conseguentemente, uno stanziamento a copertura della misura per l’anno 2025. 

 

 

Bonus quotazioni PMI 2024: le regole

 

Ricordiamo che il bonus quotazione PMI istituito dai commi da 89 a 92 della legge di bilancio 2018 (legge n. 205 del 2017) è un credito d’imposta in favore delle PMI in relazione alle spese di consulenza sostenute per l’ammissione alla negoziazione su mercati regolamentati o sistemi multilaterali di negoziazione (Multilateral Trading Facility – MTF) europei, in misura pari al 50 per cento delle spese fino a un massimo di 500.000 euro. 

 

Le disposizioni prevedevano che il regime agevolativo avesse termine il 31 dicembre 2020, ma successivamente, sono intervenute varie proroghe fino al 31 dicembre 2023.

 

 

Studio Cadau Aldo Cadau Commercialisti Sardegna Decreto Milleproroghe

 

 

Va inoltre rammentato che la misura è inserita in un complesso di interventi volti a potenziare strumenti per la concessione di finanziamenti al settore produttivo, alternativi rispetto al credito bancario: 

 

  • emissione di specifici strumenti di debito (cd. minibond)
  • raccolta tramite portali on-line (cd. crowdfunding) 

e varie forme di incentivazione fiscale a favore dei soggetti che investono in strumenti finanziari emessi da PMI.

 

Più in dettaglio, il comma 89 suddetto, ha riconosciuto un credito d’imposta alle PMI (imprese che occupano meno di 250 persone, il cui fatturato annuo non supera i 50 milioni di euro oppure il cui attivo totale di bilancio non supera i 43 milioni di euro), che abbiano iniziato, dopo l’entrata in vigore della legge di bilancio 2018, una procedura di ammissione alla negoziazione in un mercato regolamentato o in un MTF di uno Stato membro dell’Unione europea o dello Spazio economico europeo, e siano state effettivamente ammesse agli scambi. 

 

Con la modifica in esame, introdotta al comma 4-bis, l’agevolazione è prorogata al 31 dicembre 2024 (lettera a)).   

 

Inoltre, la norma (lettera b)) prevede che il credito d’imposta è utilizzabile, nel limite complessivo, di 10 milioni di euro per ciascuno degli anni 2023 e 2024 (stanziamento già previsto) e di 6 milioni di euro per l’anno 2025